Una scommessa in questi giorni difficili

Stiamo vivendo settimane davvero strane e impegnative. Di questi tempi sarei dovuto essere negli Stati Uniti per un’importante fiera di vini, mentre in Italia mia sorella sarebbe appena tornata da Vinnatur. E invece, come tutti, siamo a casa e in vigna a confrontarci con uno scenario inimmaginabile fino a soli due mesi fa.

Le nostre abitudini sono cambiate, le nostre priorità sono diventate altre, abbiamo scoperto nuovi timori ma anche riscoperto alcune parti di noi e della nostra vita che avevamo un po’ dimenticato e tralasciato.

 Chi, come noi, ha la fortuna di vivere in campagna ha visto contrapporsi all’immobilità dell’uomo l’estrema vitalità della natura, che con la primavera è tornata a rinascere con colori e profumi meravigliosi, un puntuale inno alla vita che quest’anno ha una forza ancora più grande. La natura ci ha sempre insegnato che dopo ogni inverno e ogni fatica arrivano sempre la primavera e la gioia, per questo dobbiamo guardare avanti con ottimismo e impegno, continuando a prenderci cura di tutto ciò che ci circonda.

Proprio per guardare con speranza il futuro nei giorni scorsi abbiamo piantato un nuovo vigneto di Durella a 450 metri di altezza. Per vederne i frutti dovremo aspettare qualche anno, ma quando raccoglieremo i grappoli della prima vendemmia potremo voltarci indietro ed essere felici per non esserci fermati in questi giorni e aver scommesso sulla natura e sul nostro piccolo e amato territorio.