Primi aggiornamenti dell'anno, ricco di novità!

Inizio con il raccontarvi che da gennaio è iniziata una nuova collaborazione con Meteri, distribuzione che seleziona vini naturali, artigianali e territoriali rispettosi dei cicli stagionali, dei vitigni e delle tradizioni.

Mi hanno già coinvolto in nuove iniziative, incontri con gli agenti, eventi; sono molto soddisfatto, soprattutto perché hanno la stessa mia idea e visione di cosa dovrebbe essere un vino e di rispetto per il territorio.

Soprattutto sposano l’idea che i vini debbano essere naturali e buoni senza alcun compromesso: elementi essenziali di un buon vino naturale sono la bevibilità, la pulizia e l’eleganza, valori identitari in cui mi riconosco in pieno e cerco sempre di esprimere in ogni bottiglia.

 Insieme a loro parteciperò alla prossima edizione del Live Wine al Palazzo del Ghiaccio di Milano il 5 e il 6 luglio, un evento dedicato al vino artigianale organizzato in collaborazione con la manifestazione “Vini di Vignaioli-Vins de Vignerons” e l’Associazione Italiana Sommelier Lombardia.

Il 24 e il 25 maggio sarò invece a Fano per il Biagioli Wine Festival, un evento per appassionati, sommelier e per operatori ho.re.ca. (a questi ultimi è dedicata la giornata del lunedì).

Saranno organizzate anche delle masterclass con alcuni dei maggiori interpreti dell’enologia italiana, il ricavato verrà devoluto in beneficenza all'ospedale "Salesi di Ancona".


Ultimi viaggi dell'anno

Nello scorso Ottobre ho fatto il mio primo viaggio in Canada a Montreal, una trasferta sicuramente molto impegnativa. Assieme al mio importatore di Bambara Selection e al suo team, da cui ho avuto un grande supporto, abbiamo partecipato a 2 fiere, Raw Wine e Rapispav, e siamo andati a visitare molti clienti. Montreal è una città a misura d’uomo, le persone hanno molto rispetto della natura, di loro stesse e anche del prossimo. Confido che il mio Gambellara continui ad avere il successo che ha in questo momento in Canada e di ritornarci presto. E’ stata la mia prima volta in Canada ed è proprio il caso di dire che le prime volte non si scordano mai!

Dal 19 al 22 novembre scorso ho viaggiato tra Bordeaux, Bayonne e Biarritz assieme a Bruno Ducasse, di Bonte Di Vino - Vins d'Italie, che è la persona di riferimento in Francia per i miei vini. Già all’arrivo martedì sera, Bruno mi ha messo al lavoro andando a visitare dei clienti che già mi conoscono, passeggiando per il centro della bellissima e storica Bordeaux. Nei giorni successivi, dopo Bordeaux ci siamo spostati nei paesi baschi di Bayonne e Biarritz. Qui la natura domina, l’ondulato paesaggio, le case tutte colorate di bianco con gli infissi rossi o verdi e le persone molto accoglienti ti fanno sentire come a casa. Non poteva mancare la visita di uno Chateaux della zona dello Sauternes, l’ultimo giorno prima di partire; qui l’agricoltura è di precisione, davvero nulla è lasciato al caso. Ho apprezzato moltissimo la loro capacità di raccontarsi e valorizzare i luoghi, le loro colture e il loro modo di vedere il vino e l’agricoltura. Riuscire a far apprezzare il suolo vulcanico e la mia Garganega di Gambellara in una regione francese, tra le più vocate al mondo per la viticoltura, è stata per me una grande soddisfazione e mi da una gran spinta ed energia per continuare a portare il mio vino in molti altri posti nel mondo!


Nuovi appuntamenti in arrivo

Dopo un settembre, esclusivamente dedicato alla vendemmia, ricomincio con la partecipazione ad alcuni eventi, occasione per conoscermi o provare i miei vini.
Il 4-5-6 Ottobre mi troverete in centro a Vicenza, all’interno degli spazi della Basilica Palladiana, per ViWine Festival, manifestazione delle eccellenze vinicole e gastronomiche locali.
A fine mese, lunedì 28 Ottobre, invece sarò a Gambettola per Italia nel Bicchiere Day, una giornata di incontri e degustazioni con diverse cantine provenienti da Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige, Veneto, Lombardia, Emilia Romagna, Marche e Toscana.
Tutte le informazioni per partecipare le trovare qui.

Infine mi aspetta un nuovo viaggio oltreoceano: destinazione Montreal, Canada. Qui parteciperò con il mio importatore a due fiere, Raw Wine il 24 e 25 Ottobre e Rapispav il 26-27-28. Questa volta niente tour ma fiere, che sono comunque importanti e si rivelano spesso un' ottima opportunità per incontrare di persona clienti che già conoscono i miei vini, per trasmettere la mia passione e tutto quanto è racchiuso nelle bottiglie che produco.
Seguitemi sui social per tutti gli aggiornamenti live del viaggio!


Maggio mese intenso di appuntamenti!

Maggio, come ogni anno, è un mese intenso, moltissimi gli eventi organizzati e la scelta ai quali partecipare diventa obbligata.

Il mio “tour” inizia il 13 vicino a casa, a Trissino, presso Tenuta Dalle Ore, organizzato da Il Convivio Selezione, è un evento per addetti del settore ed operatori, su invito, una quindicina circa amici produttori presenti.

Restiamo in provincia di Vicenza, il 19 Maggio torna Vieni in Villa, evento organizzato da Marco De Tomasi con la Proloco del luogo: ogni anno Marco va alla scoperta delle cantine più particolari e meritevoli di essere conosciute di tutta Italia e ne fa una selezione, io partecipo da due edizioni, la qualità è ottima e l’organizzazione pure, non potete mancare!

 A fine Maggio invece volo in Belgio, partecipo per la prima voltaa PURr anOTHER winefair, diversi i vignaioli presenti da tutta Europa, scelti perché particolarmente attenti alla natura, al rispetto dell’uomo, capaci di cogliere davvero l'essenza del terroir locale.

Chiudo l’8 e 9 Giugno presso l’Antico Convento di San Francesco a Bagnacavallo con Vinessum, circa 100 artigiani del vino e del cibo, una fiera, un mercato, una festa di due giorni!


Storia, Territorio, Natura. Ogni scelta ha un perché": il mio vino all'estero, dove e perché

Far conoscere il mio vino all’estero, in tutto il mondo, è sempre stato un punto fisso che mi girava in testa prima ancora di iniziare ad imbottigliare la mia prima bottiglia. Il motivo è presto detto: ho sempre immaginato i paesi esteri molto “assetati” degli usi, costumi e prodotti Italiani tra cui ovviamente anche il vino.

Quando ho cominciato a mettere il naso fuori dall’Italia e dall’ Europa, ho voluto muovere i primi passi nei mercati classici e con questi intendo America ed Europa; mi sono subito reso conto che quello che immaginavo era solo una piccola parte di ciò che effettivamente ho trovato.

Nei viaggi all’estero, per promuovere la mia azienda e i mie vini, ho sempre trovato persone molto umili, curiosissime di capire il territorio dove viene prodotto il vino, le varie metodologie utilizzate per produrre e tutti i più piccoli dettagli che ci sono per arrivare ad una bottiglia di vino.

Prima di partire mi sono sempre chiesto se valeva la pena o meno continuare a mettere in etichetta la Doc Gambellara, una piccola denominazione sconosciuta anche in Italia.  Ma devo tutto alla mia testardaggine, che mi porta a volere a tutti i costi produrre vini del territorio e a mantenere la denominazione in etichetta; credo faccia parte anche quello della promozione di un vino e di un territorio, così ho continuato ad inserire la denominazione anche per l’estero.

La più grande conferma che questa è e continuerà ad essere la strada giusta, l’ho avuta lo scorso Maggio durante il mio viaggio dagli amici/importatori/distributori americani.

Entrati da un importante cliente nella periferia di Denver, io e il mio distributore abbiamo fatto assaggiare i vini al titolare e ci siamo messi a parlare della zona di Gambellara. Tra le svariate domande che mi ha fatto, quella che mi ha colpito è stata sul numero di aziende che esportano Gambellara Doc negli USA e quante di queste sono Bio. Questa domanda me la ricorderò per il resto della mia vita e la mia risposta è stata: “ Forse in USA puoi trovare 2 aziende che esportano il Gambellara Doc ma l’unico Biologico è quello che stai bevendo!” Il ragazzo davanti a me è rimasto 5 secondi in silenzio con il bicchiere di vino sotto il naso a guardarmi e a pensare, dopo di che ha sorriso esclamando: “ Allora sto bevendo una cosa unica!”. In quel momento più di altri, ho capito che le scelte fatte per esportare i miei vini all’estero erano più che mai azzeccate, che portare con orgoglio il mio paesino di Gambellara in tutto il mondo è una soddisfazione e un punto di forza perché i più attenti stanno cercando cose nuove, vini di grande beva e biologici per poterne bere qualche bicchiere in più e di piccole aziende e denominazioni ancora non mainstream.

Ho iniziato ad esportare circa 8 anni fa ed ora i miei vini li potete trovare in tutti gli Stati Uniti d’America, in Quebec, Ontario, Svizzera, Olanda, Belgio, Francia ed Inghilterra.

Ma non mi fermo qui!


Vinitaly 2019, dal 7 al 10 aprile, torna la fiera più importante in Italia ma prima ho volato a Londra per Raw Wine

Lo scorso weekend ho partecipato per la prima volta a RAW WINE, una fiera di due giorni che rappresenta anche una vera e propria community di vini biologici e biodinamici. Questa di Londra è solo uno degli eventi che organizzano varie volte durante l'anno, in diversi luoghi del mondo, come a Berlino, a New York, Los Angeles o Montreal.

Cosa mi porto a casa? Quali impressioni da condividere con voi? Tantissima curiosità per i vini bio, molti giovani che vogliono cambiare modo di approcciarsi al vino e curiosi di scoprire nuove piccole denominazioni, come la mia. Sicuramente è il momento ideale per vini particolari, identitari e poco noti su certi mercati come il Gambellara Doc Biologico che produco. La fiera è stata organizzata nei minimi dettagli, sicuramente parteciperò ad altre che verranno nel prossimo futuro.

Qualche giorno in vigna e poi ci spostiamo a Verona, per la mia  6° partecipazione a VinitalyBio, la manifestazione dedicata al vino biologico certificato all’interno del Vinitaly, il Salone Internazionale del Vino e dei Distillati di Verona, mi trovate nel padiglione F stand 18 del VinitalyBio. Ovviamente vi aspetto per assaggiare il Primo Incontro 2017 e anche il mio Gambellara Classico Col Moenia 2017.


Gli eventi di Luglio

Anche quest’anno torna l’appuntamento estivo con "Sotto La Vigna". Giovedì 9 agosto si svolgerà infatti presso la mia cantina a Gambellara una serata dedicata all'esaltazione del territorio e dei suoi prodotti tipici. Sarà un evento molto particolare, durante il quale ci sarà la possibilità di approfondire la conoscenza del mondo del vino e, allo stesso tempo, trascorrere una serata di relax e divertimento tra le vigne dell’azienda.

Tutto il programma ed i dettagli dell’evento a questo link.

 


Gli eventi di Giugno

Dopo un mese particolarmente impegnativo, in Giugno ho deciso di starmene più tranquillo con la partecipazione ad eventi promozionali; me ne starò in vigna ed in cantina in previsione della vendemmia 2018!

Ma ad un appuntamento, in particolare, non potevo mancare: si tratta dell'evento organizzato dal Consorzio Tutela Vini Gambellara di cui faccio parte, che mi vedrà presente per tre giorni, assieme ad altre cantine del nostro territorio, in centro a Vicenza, presso il Palazzo delle Opere Sociali in Piazza Duomo, per Garganica, alla scoperta del Gambellara Doc.
Sabato, domenica e lunedì troverete laboratori di degustazione, banchi di assaggio e artigiani del gusto!

 Qui tutti i dettagli!


VinNatur e VinitalyBio

Come sono andate?

 

VinNatur: è stata la mia prima partecipazione a questa manifestazione e devo dire che mi son divertito molto! Le persone sono state numerose, ottimo anche il riscontro per quanto riguarda gli operatori italiani ed esteri. La cosa che mi è piaciuta di più è stata l'atmosfera che si respirava, sembrava che tutti si conoscessero già e fossero amici di vecchia data: l’ho molto apprezzato. Anche dal lato commerciale ho avuto buone impressioni, quindi per me è stata un’esperienza positiva!

VinitalyBio: sicuramente il padiglione 8, che ospita ViViT, FIVI e VinitalyBio, è stato uno dei più visitati del Vinitaly, riscuotendo molto interesse. L’impressione però è stata di un pubblico meno business; ma è un evento che comunque mi ha sempre portato buoni frutti, basti pensare alle degustazioni che FederBio organizza durante i giorni di fiera, riunendo oltre 30 buyers per ognuna, un’opportunità per me unica per presentare ad un pubblico internazionale i vini vulcanici di Gambellara.
Inoltre passano a trovarmi clienti ed agenti, è sempre un occasione per far assaggiare le nuove annate o vini che non conoscono quindi direi che, nonostante i giorni impegnativi e impegnato su due fronti il bilancio è più che positivo.


Gli eventi di Maggio

Il mese di maggio mi vedrà impegnato in un interessante viaggio in USA, dal 6 al 14 maggio.
8 giorni che mi vedranno impegnato tra degustazioni e visite ai miei clienti d’oltreoceano, per trasmettere la passione e la filosofia che sta dietro ad ogni mia bottiglia.
Partirò dal Vermont per poi raggiungere New York, arrivare in Colorado e finire a Berkley, in California, prima di tornare tra le mie colline di Gambellara.

DOCG Wine Experience 2018
Domenica 6 maggio il mio Recioto di Gambellara DOCG “Cul d’Oro” farà tappa a Teolo, in provincia di Padova, per DOCG Wine Experience 2018.
Presso l’affascinante Abbazia di Praglia, monastero benedettino del XI secolo, inserito nell’ambiente naturale del Parco dei Colli Euganei, si terrà infatti la sesta edizione dell’evento dedicato alle 74 DOCG italiane. Un viaggio con oltre 350 etichette in degustazione e più di 100 cantine.

VIeNI in Villa
Domenica 20 maggio sarò a Villa Cerchiari, a Isola Vicentina, per partecipare all’evento dedicato a vini e vignaioli. Durante la giornata il pubblico potrà conoscere nuove realtà e nuovi territori direttamente da chi il vino lo produce e da chi, tutti i giorni, compie scelte, a volte anche coraggiose, per cercare di ottenere il miglior risultato. Un evento che propone un percorso di conoscenza, dalle parole dei vignaioli alla degustazione in calice.

Serata Degustazione Vini
Giovedì 24 maggio alle ore 20:30, presso il Ristorante Fracanzana di Montebello Vicentino, nuovo appuntamento per una serata di degustazione vini della mia azienda, accompagnata dai piatti scelti dallo chef.

Mercato dei Vini dei Vignaioli Indipendenti Trevigiani
Sabato 26 e domenica 27 maggio sarò in terra trevigiana, a Quinto di Treviso, presso lo spazio OpenDream Area Ex Pagnossin, per partecipare al Mercato dei Vini dei Vignaioli Indipendenti Trevigiani.
Evento organizzato dalla delegazione dei Vignaioli Indipendenti di Treviso FIVI con la presenza di aziende prevalentemente trevigiane, affiancate da altre realtà produttive provenienti da tutta Italia; tra queste, con piacere, sarò presente anch’io. Un incontro – confronto con il pubblico, per fare quattro chiacchiere e per degustare i vini direttamente con i produttori.